LinkedIn è senza dubbio il social media per eccellenza quando si parla di lavoro e business.

Sono infatti sempre di più i neolaureati, i professionisti e gli imprenditori che decidono di aprire un profilo per cercare rispettivamente un posto di lavoro, nuovi clienti e partner di ogni tipo.

Ti ritrovi in una di queste categorie?

Allora ho da dirti una cosa molto importante.

Oggi creare un profilo su LinkedIn è sicuramente essenziale per accedere alle opportunità che questa piattaforma offre ai suoi utenti, ma questo non è sufficiente.

È solo il primo passo verso gli obiettivi che vuoi raggiungere. È il primo tassello dell’immagine professionale che vuoi costruire, il punto di partenza di un percorso di personal branding.

Per questo motivo, se hai già creato un profilo e non hai ottenuto alcun risultato, non ti arrendere. È ancora presto per gettare l’ancora e giudicare negativamente l’efficacia di questo social media.

Ho 5 consigli per migliorare il tuo profilo LinkedIn che voglio condividere con te.

1. L’occhio vuole sempre la sua parte

Come su un banner pubblicitario, anche su LinkedIn, l’aspetto visivo è uno dei più importanti. Pertanto la scelta della fotografia e dell’immagine di copertina deve essere molto accurata.

La foto profilo su Linkedin è la prima cosa che le altre persone vedono di te. Vien da sé che è il primo elemento su cui dovresti prestare attenzione.

Evita quindi di inserire foto che ti ritraggono al mare, ad una festa o in situazioni poco professionali. Oppure i selfie che di solito condividi su Facebook o Instagram.

Prediligi invece un primo piano in alta qualità, meglio se su sfondo omogeneo, che sia quanto più coerente con la professione che svolgi, la posizione che occupi e l’immagine che vuoi che gli altri percepiscano di te.

Le stesse considerazioni valgono anche per l’immagine di copertina, quella porzione di pixel in cui puoi inserire una foto orizzontale che fa da cornice al tuo profilo. Si tratta di uno degli elementi più ‘snobbati’ dagli utenti, ma che è in grado di migliorare l’efficacia del tuo profilo LinkedIn e potenziare la comunicazione visiva del tuo brand.

2. Descriviti in poche parole

Dopo le immagini, il sommario è sicuramente uno degli elementi che più contribuisce a rendere efficace un profilo LinkedIn.

Mi riferisco allo spazio di testo sottostante il tuo nome e cognome. Quella sezione dove puoi descrivere in breve chi sei e che cosa fai.

Nel sommario ti consiglio di non essere prolisso, anche perché hai a disposizione solo 120 caratteri (spazi inclusi). Sii chiaro e immediato. Ad esempio, puoi pensare di inserire il tuo titolo professionale seguito da una breve frase che spiega in poche parole che cosa puoi fare per gli altri:

“Consulente di Web Marketing: aiuto le imprese a comunicare e vendere sul web.”

Il tuo obiettivo in questa sezione è comunicare la tua identità e persuadere le persone ad approfondire la tua storia all’interno del tuo profilo LinkedIn.

3. Presentati in modo efficace

È arrivato il momento di presentarti e dire qualcosa in più su di te.

Nel Riepilogo, la sezione che trovi subito dopo quella relativa alle informazioni di contatto, hai infatti l’opportunità di raccontarti ed entrare nel dettaglio delle informazioni che hai solo accennato nel Sommario del tuo profilo LinkedIn.

Qui puoi spiegare che cosa fai, in che modo lo fai e soprattutto per quale ragione hai deciso di farlo. Le persone amano le storie e illustrare le motivazioni che ci sono dietro le tue scelte professionali – con tutti gli alti e bassi del caso – può contribuire positivamente a coinvolgere e far identificare i lettori.

Puoi anche chiarire per quale tipo di clienti hai scelto di lavorare, quali traguardi hai raggiunto nella tua carriera e quali sono le competenze di cui ti reputi davvero competente.

Se sei un neolaureato, puoi raccontare invece in quale settore ti piacerebbe lavorare e perché, oltre che spiegare in quale modo saresti in grado di contribuire alla crescita delle aziende che sceglieranno di investire su di te.

Nel Riepilogo puoi anche arricchire la tua presentazione aggiungendo file multimediali (foto, video, link e presentazioni) che ottimizzano ulteriormente il tuo profilo LinkedIn.

4. Inserisci solo le informazioni di valore

Se vuoi migliorare il tuo profilo LinkedIn, ricorda sempre di inserire soltanto le informazioni che contano davvero.

Ti dico questo perché soprattutto nelle sezioni Esperienza, Formazione e Competenze è davvero molto semplice lasciarsi andare e condividere il superfluo.

Ad esempio, se da giovane hai frequentato un corso da pizzaiolo perché eri stufo dell’università, ma alla fine ti sei laureato e oggi fai il consulente, evita di inserire l’attestato del corso tra le esperienze di Formazione.

Allo stesso modo, se durante gli studi hai lavorato come cameriere ma oggi sei un commercialista, non inserire questa esperienza tra quelle più rivelanti della tua carriera.

Come puoi ben immaginare, lo stesso ragionamento vale anche per le competenze: identifica le principali e lascia stare quelle non pertinenti.

Sul tuo profilo LinkedIn dovrebbero esserci soltanto le informazioni che aggiungono valore alla tua immagine professionale attuale. Tutto il resto è marginale e finisce solo per confondere chi legge.

5. Scegli le tue parole chiave

Per finire, come avviene già su Google, anche su LinkedIn le pagine relative ai profili degli utenti vengono indicizzate sulla base di parole chiave.

In tal senso, migliorare il tuo profilo LinkedIn vuol dire riuscire ad essere trovato dalle persone che cercano una o più keyword che ti rappresentano.

Senza entrare nei tecnicismi della SEO, quello che ti consiglio di fare a proposito è di sfruttare al meglio tutte le porzioni di testo che LinkedIn ti mette a disposizione per inserire le parole chiave che identificano chi sei e quello che fai.

Ovviamente non esagerare: le keyword devono essere coerenti con il contesto in cui vengono inserite e contribuire ad arricchirne il significato. Altrimenti, sarebbero bravi tutti!

Ora tocca a te. Metti in pratica questi semplici consigli e poi torna a farmi sapere quali risultati hai ottenuto: sono sicuro che ti lasceranno a bocca aperta.

Se invece vuoi saperne di più e approfondire anche altri aspetti di questo social media, dai uno sguardo alla nostra Masterclass in Digital Marketing in partenza dopo l’estate. Scopri di più!